Lunedì, 15 Aprile 2024 | Login
Slide 1
slide-PENNE1.jpg
penneascoli.jpg
previous arrow
next arrow

casoli penneIl Penne espugna in rimonta il campo di un dignitosissimo Casoli 1966, che onora al meglio l'impegno di fine stagione malgrado la retrocessione matematica già maturata da tempo, e chiude la stagione regolare con tre punti che regalano playoff e quarto posto in classifica. Avvio difficile per i biancorossi sotto di un gol nella prima frazione, riequilibrata dal centro di Ndiaye alla mezzora; dopo una lunga pressione nella ripresa arriva la doppietta di Ndiaye che firma sorpasso, con Cornazzani che cala il tris in rovesciata nel finale. Da segnalare nel secondo tempo i debutti in prima squadra di Tonelli (2006) e Marchionne (2007) che sfiora anche il gol con una conclusione dal limite che si stampa sul palo interno. Ora dopo una settimana di stop si tornerà in campo per la semifinale in casa del Favale 1980 con un solo risultato a disposizione, in virtù del peggior piazzamento in campionato rispetto ai teramani.

In un clima quasi invernale piuttosto insolito per una gara di fine stagione, i biancorossi si presentano ad Atri dovendo rinunciare allo squalificato Buffetti, sostituito da Rossi, ed all'infortunato Di Domizio. Mister Pavone ripropone in campo dal primo minuto Carminelli (2006) nel suo ruolo naturale di centrocampista, mentre tra i pali regala minuti a Falzano che prende il posto di D'Intino; si rivede Mbodj al centro della difesa con capitan D'Addazio, diffidato, che va precauzionalmente in panchina, in avanti spazio al tandem Cacciatore-Ndiaye.
Casoli ormai già retrocesso da diverse settimane, che presenta in distinta appena tredici effettivi: i teramani saranno di fatto costretti a giocare per tutti i novanta minuti con gli stessi undici, mettendo in luce una prestazione volitiva e gagliarda con alcune buone individualità tra le quali l'ex di turno Damiano D'Addazio, scuola Pineto, che aveva già vestito la maglia biancorossa in Eccellenza nella prima parte della stagione 2020/21 poi interrotta causa Covid.

Avvio di gara piuttosto interlocutorio perchè, se qualcuno si aspettava un avversario dimesso, verrà subito smentito: il Casoli gioca a viso aperto ed il Penne, dopo aver fallito una prima palla gol importante con Ndiaye, a sorpresa va sotto di un gol: corre il 18' quando Romanelli è più lesto di tutti, e sugli sviluppi di una punizione dalla destra beffa Falzano con una deviazione che va ad infilarsi sotto l'incrocio dei pali.
Il Penne prova a reagire ma Falzano viene ancora impegnato dagli avanti locali che creano un'altra ocasione importante per il raddoppio. Scampato il pericolo il Penne prova a buttarsi in avanti ed inizia ad esercitare una certa pressione dalle parti della difesa di casa, mancando tuttavia nella conclusione finale.
Al 33' arriva il pari grazie a Ndiaye che, in area di rigore, anticipa l'uscita del portiere di casa su ottima imbeccata di Rossi ed infila il suo nono gol stagionale in maglia biancorossa. Il Penne continua a premere e va in rete per due volte ancora con Ndiaye, ma in entrambe le occasioni l'assistente segnala fuorigioco giusto nel primo caso, piuttosto dubbio nel secondo, con i padroni di casa che non stanno a guardare e nel finale di frazione hanno un'altra buona chance con la difesa biancorossa non proprio perfetta.

Al rientro dagli spogliatoi il Penne alza i ritmi ed inizia a spingere il Casoli nella propria trequarti, trovando il gol del vantaggio al 11' ancora con Ndiaye che, su azione simile alla precedente, anticipa la difesa di casa raccogliendo un cross al bacio proveniente dalla destra opera di Di Simone, fulminando per la seconda volta il portiere di casa. Trovato il vantaggio per il Penne è tutto più semplice al cospetto di un avversario che ora accusa anche un fisiologico calo fisico. Malgrado diverse azioni da gol il Penne non sa chiudere il match: prima i biancorossi sprecano un contropiede in superiorità numerica con Ndiaye ed il neo entrato Barlaam, che provano un veloce scambio nello stretto piuttosto che la conclusione, poi ancora con lo stesso Ndiaye che manca l'appuntamento con la tripletta personale, quando riceve palla da uno sciagurato tentativo di impostazione del portiere di casa, che tuttavia si fa perdonare chiudendo la strada all'attaccante biancorosso presentatosi a tu per tu in area.
Dopo qualche minuto è ancora Ndiaye a cestinare un'altra buona palla calciando alto in piena area di rigore, prima degli ingressi in campo di Marchionne (2007) e Tonelli (2006) che fanno il loro esordio in prima squadra; in campo anche l'ex Cornazzani che nel finale timbra il cartellino con il gol più bello di giornata: controllo di testa spalle alla porta e rovesciata in area che supera l'incolpevole Di Donato per l'1-3 finale. Da segnalare anche il pregevole ma sfortunato tentativo del nuovo entrato Marchionne che, dopo aver mostrato da subito grande personalità in campo, sfiora il gol all'esordio con una bella conclusione dal limite d'area che supera l'estremo di casa, ma va a stamparsi sul palo interno.

Termina così con un successo che sancisce l'accesso ai playoff per i biancorossi, che scavalcano in classifica anche il Mutignano che blocca a domicilio il Favale 1980; in virtù di questo risultato, la Turris Val Pescara che travolge in casa il Piano della Lente, porta a casa tre punti che le permettono di scavalcare proprio i vibratiani in classifica che dunque, da terzi in graduatoria, saranno i prossimi avversari del Penne nei playoff: sul terreno in sintetico del "Manari" di Sant'Egidio alla Vibrata sarà dunque un match complicatissimo per i biancorossi, che dovranno giocarsi l'accesso alla finale in trasferta e con un solo risultato a disposizione, la vittoria. Regolamento che prevede infatti il match in gara secca in casa della meglio piazzata, con tempi supplementari in caso di parità nei novanta minuti; qualora dovesse permanere tale risultato al termine dei supplementari, supererà il turno il Favale in quanto meglio piazzato in campionato.

CASOLI 1966-PENNE 1-3 (1-1)

CASOLI 1966: Di Donato, Ioannone, D'Addazio, Titianu, Marcanio, Marini Misterioso, Medeiros, Romanelli, Sangiacomo, Gentile, Ciccone. A disposizione: Spinelli, Di Giacomantonio. Allenatore: Ruggieri

PENNE: Falzano, Di Martino (35'st Marchionne), Di Pentima, Sablone, Mbodj, Di Simone, Carminelli, Rossi, Ndiaye (27'st Cornazzani), Cacciatore (40'st Tonelli), D'Amico (18'st Barlaam). A disposizione: D'Intino, D'Addazio, Reale, Petrucci, Di Martile. Allenatore: Pavone

Arbitro: Di Gregorio di Sulmona

Reti: 19'pt Romanelli (C), 33'pt Ndiaye (P), 11'st Ndiaye (P), 38'st Cornazzani (P)

Ammoniti: Di Simone (P), Ioannone (C)